Bonus Facciate 2020

Chiarimenti su ambiti del  PGT assimilabili alle zone A o B

La legge di bilancio 2020 ha istituito l’agevolazione fiscale definita “BONUS FACCIATE” (articolo 1, commi 219-224, Legge n. 160/2019).
Si tratta di una detrazione d’imposta, da ripartire in 10 quote annuali, pari al 90% delle spese sostenute nel 2020 per interventi – compresi quelli di sola pulitura o tinteggiatura esterna – finalizzati al recupero o restauro della facciata esterna degli edifici esistenti situati in determinate zone.

La norma prevede quindi che condizione necessaria per avere diritto al “bonus” è che gli edifici siano ubicati nelle zone A o B (indicate nel decreto del ministro dei Lavori pubblici n. 1444 del 1968) o in zone a queste assimilabili in base alla normativa regionale e ai regolamenti edilizi comunali.
A tal proposito, la circolare esplicativa n. 2/2020 dell’Agenzia delle Entrate precisa che l’assimilazione alle zone A o B della zona territoriale nella quale ricade l’immobile oggetto dell’intervento dovrà risultare dalle certificazioni urbanistiche rilasciate dagli enti competenti.

Al fine di facilitare l’interpretazione per l’applicabilità del “bonus facciate”, il Comune di Crema – vista la struttura e l’impostazione del nostro Piano di Governo del Territorio vigente (PGT) – informa che gli Ambiti del PGT assimilabili alle zone A o B (indicate nel decreto del ministro dei Lavori pubblici n. 1444 del 1968) sono:

    • l’Ambito del nucleo di antica formazione (NAF) - ASSIMILABILE alla zona A di cui al dm n. 1444 del 1968;

    • le aree soggette a prescrizioni speciali ricadenti all’interno del nucleo di antica formazione (NAF) -  ASSIMILABILI  alla zona A di cui al dm n. 1444 del 1968;

    • l’Ambito con mantenimento dell’impianto architettonico, tipologico originario ricadente all’interno del Tessuto urbano consolidato prevalentemente residenziale - ASSIMILABILE  alla zona B  di cui al dm n. 1444 del 1968;

    • l’Ambito di recente impianto urbanistico ricadente all’interno del Tessuto urbano consolidato prevalentemente residenziale - ASSIMILABILE  alla zona B di cui al dm n. 1444 del 1968;

    • gli Ambiti di valore paesaggistico, ambientale ed ecologico individuati come “palazzi, ville suburbane, ex linificio di origine storica e monumentale collocati nella periferia di Crema o nelle frazioni di origine storica” - ASSIMILABILI  alle zone A e B di cui al dm n. 1444 del 1968;

    • gli Ambiti di valore paesaggistico, ambientale ed ecologico individuati come “palazzi, ville ed edifici speciali che hanno mantenuto l’impianto architettonico tipologico originario” - ASSIMILABILI  alle zone A e B di cui al dm n. 1444 del 1968.

Per verificare se la zona urbanistica in cui è inserito l’immobile oggetto di intervento è assimilabile alle zone A o B di cui al DM n.1444/1968 è possibile consultare la planimetria allegata.

Per richiedere la certificazione urbanistica attestante che l’edificio ricade in ambito del PGT assimilabile alle zone A o B di cui al DM n. 1444/1968, è possibile scaricare il modulo allegato e presentarlo allo sportello polifunzionale del Comune di Crema, oppure inviarlo via PEC all’indirizzo protocollo@comunecrema.telecompost.it previo pagamento di:

  • 23,00 euro di diritti di segreteria presso lo sportello della tesoreria comunale del Banco BPM Spa filiale di Crema in via XX Settembre n. 18. Per altre modalità di pagamento consultare il modulo riportante le “Modalità di pagamento al Comune di Crema” scaricabile dal sito internet.;
  • n. 2 marche da bollo di 16,00 euro, nel caso di consegna digitale tramite PEC, allegando la dichiarazione di assolvimento dell'imposta dovuta (link modulo Dichiarazione assolvimento imposta di bollo), indicante il numero di serie delle marche da bollo; nel caso di consegna cartacea una dovrà essere applicata sul modulo di richiesta e una da consegnare al servizio Edilizia Privata al momento del ritiro del  certificato;